Sostenibilità

Strategia per il clima

Sottoscritto nel 2015, l’Accordo di Parigi chiede a governi e imprese di incrementare gli sforzi per contrastare il riscaldamento globale, con l’obiettivo minimo di limitare l’aumento delle temperature a livello mondiale a meno di 2°C. Per far fronte a questa sfida storica, la strategia per il clima di Kering fa riferimento a un quadro scientifico per la definizione di obiettivi specifici relativi alla supply chain.

Strategia per il clima
Capire e analizzare il proprio impatto

Per sviluppare la sua strategia per il clima, Kering ha innanzitutto analizzato la sua catena del valore per capire e quantificare il suo impatto. Ha utilizzato il suo innovativo Conto economico ambientale (EP&L) per misurare le emissioni di gas serra (GHG) connesse alle sue attività, dalla produzione di materie prime alla fine della del ciclo di vita dei prodotti. Nel 2019 il Gruppo ha completato i suoi dati realizzando un sondaggio internazionale per misurare le emissioni di gas serra relative all’uso dei prodotti e alla fine della vita. I risultati sono stati pubblicati a gennaio 2021 (scopri di più). 


L’insieme di queste informazioni ha permesso la presentazione di iniziative su misura, specifiche per la supply chain, da parte delle Maison del Gruppo. Ha incoraggiato anche lo sviluppo di programmi di efficienza energetica per evitare le emissioni nelle catene del valore delle Maison.


Kering ha optato per un approccio scientifico per sviluppare una strategia per il clima efficace e introdurre un reale cambiamento paradigmatico. Per questo motivo, il Gruppo ha deciso di adattare la sua politica per il clima e di strutturare i suoi obiettivi sulla base degli Science-Based Targets (SBT). 

 

 

Definizione degli obiettivi di Kering

90%

Riduzione assoluta delle emissioni di gas serra degli ambiti 1 e 2 del Protocollo entro il 2030

70%

Riduzione delle emissioni di gas serra per unità di valore aggiunto nell’ambito 3 del Protocollo entro il 2030

100%

Approvvigionamento di elettricità rinnovabile entro il 2022 (versus il 25% nel 2015)

Net zero

Allo scopo di prevenire i peggiori effetti del cambiamento climatico e di evitare danni irreparabili alla nostra società, all’economia e alla biodiversità, Kering ha definito un obiettivo Net zero per il 2030. Il Gruppo ridurrà così le sue emissioni e rispetterà gli standard più elevati di compensazione per le emissioni restanti

Implementare programmi specifici 

Kering ha adottato una serie di iniziative per raggiungere questi obiettivi, tra le quali:

 

  • Implementare gli Standard di Kering per le materie prime e i processi produttivi, delineando le migliori prassi e i requisiti di sostenibilità; 
  • Introdurre programmi di efficienza energetica nelle attività del Gruppo. Nel 2019 i programmi di questo tipo hanno permesso una riduzione del 30% dell’intensità di carbonio nei punti vendita del Gruppo rispetto al 2015; 
  • Promuovere il passaggio alle energie rinnovabili per raggiungere l’obiettivo del 100% a livello globale. Il 31 dicembre 2020 Kering aveva già raggiunto il 91% del suo obiettivo per tutte le attività che rientrano attualmente negli ambiti 1 e 2 del Protocollo sui gas a effetto serra;
  • Optare per l’efficienza energetica nella produzione e adottare programmi innovativi come Clean by Design per gli stabilimenti tessili, che assicura una riduzione annua della CO2 del 12%; 
  • Collaborare con aziende dello stesso settore per sostenere azioni e soluzioni che contribuiscano alla decarbonizzazione dell’industria della moda attraverso il Fashion Pact. 

In qualità di firmatario della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCC), Kering continua a svolgere un ruolo essenziale di motore del Fashion Pact. Il Gruppo ha un ruolo di guida nei progressi del settore, con un focus sul clima, la biodiversità e gli oceani.